Cantiere per la rimozione dell’amianto

 

Necessità di risanamento ?

 

Nel caso in cui fosse rilevata la presenza di amianto in un materiale, inizialmente si deve determinare se la bonifica sia necessaria,  come succede in questi casi:

  • Non è previsto bonificare il materiale contaminato, ma gli occupanti sono potenzialmente esposti alle fibre di amianto  sospese in aria. Questo è particolarmente il caso quando si è in presenza di materiali di amianto debolmente agglomerato, quali controsoffitti, applicazioni a spruzzo floccati, isolamenti.  Più alto è il rischio di esposizione, a maggior ragione la rimozione dell'amianto deve essere eseguita rapidamente.

  • Sono previsti interventi (transformazioni, demolizione) che potrebbero movimentare materiali che contengono amianto.

 

Necessità di ricorrere alla consulenza di una ditta che rimuove l’amianto ?

 

È quindi importante determinare se l'intervento di bonifica sarà eseguito o meno da un azienda di rimozione dell'amianto certificata. Due casi si distinguono :

  • Se si tratta di amianto debolmente agglomerato, i lavori di risanamento sono affidati ad un azienda specializzata, tranne per gli interventi di minore importanza (superficie <0,5 m2) a condizione che non si debba movimentare una grande quantità di fibre d’amianto.

  • Se si tratta di amianto fortemente agglomerato: gli interventi dovranno essere eseguiti da un azienda non specializzata, alle condizioni seguenti :

- E stato stabilito che non si deve movimentare una notevole quantità di fibre d’amianto;

- Sono rispettate le prescrizioni della direttiva CFST6503 sono rispettate ;

- Sono state adottate le misure  per assicurare la sicurezza degli impiegati e degli occupanti (documento Suvapro).

 

Cantiere di risanamento

 

Quando è previsto il risanamento  di materiali debolmente agglomerati, è spesso necessario istituire un confinamento del locale (locali) in questo modo si dovrebbe impedire qualsiasi scambio d'aria incontrollata tra interno ed esterno. L'ingresso e l'uscita dell'aria devono essere determinate con precisione in modo che la pressione interna sia inferiore di almeno 20 Pa rispetto alla pressione esterna. L'aria che esce è necessariamente filtrata (filtro HEPA) e scaricata all'esterno dell'edificio.

Prima e durante il cantiere - a seconda delle sue dimensioni  – i controlli vengono eseguiti da un esperto indipendente dall' azienda incaricata della bonifica dell'amianto e sono destinati a verificare la conformità delle attrezzature e delle procedure operative in modo che la sicurezza dei dipendenti e gli occupanti dei locali limitrofi.

Al termine dei lavori di risanamento, è obbligatorio rivolgersi un esperto indipendente prima che il confinamento sia smontato. L'esperto esegue un controllo visivo per verificare che non vi sia alcuna traccia di materiali di amianto all'interno del confinamento. Dopo di che  procede a un prelievo d'aria (per almeno 8 ore) che determinerà la concentrazione di fibre di amianto nell'aria. E 'solo dopo aver effettuaro questo controllo e quando risulterà  che il tasso di fibre di amianto nell'aria è sufficientemente basso che il confinamento potrà essere smantellato.

Ticino

Via Marco da Carona 1

6900 Lugano

ticino@lamy-sa.ch

Fribourg

Route de Fribourg 36

1730 Ecuvillens

fribourg@lamy-sa.ch

Genève

Chemin du Pré-Puits 15

1246 Corsier

geneve@lamy-sa.ch

Vaud

Route de Berne 34

1010 Lausanne

lausanne@lamy-sa.ch

Valais

Route du Manège 7

3963 Crans-Montana

valais@lamy-sa.ch

Neuchâtel

Ville 1

2525 Le Landeron NE

neuchatel@lamy-sa.ch